Condividi

L’INL pubblica i dati aggiornati dell’attività di vigilanza relativi al semestre gennaio-giugno 2018.

Su tutto il territorio nazionale sono stati effettuati 87.773 controlli.

In particolare, l’attività di vigilanza ha registrato 71.461 accessi in materia di lavoro, 9.812 in materia previdenziale e 6.500 in materia assicurativa.

Con riferimento al tasso di irregolarità riscontrato, per quanto concerne la vigilanza lavoristica si segnala una percentuale pari al 65% di fenomeni di irregolarità in materia di rapporti di lavoro, fenomeni pari addirittura all’82% in materia di vigilanza tecnica (salute e sicurezza sul lavoro). Nella vigilanza previdenziale e assicurativa è stato riscontrato un tasso di irregolarità rispettivamente dell’81% e dell’89% delle aziende ispezionate.

In merito al recupero dei contributi previdenziali e dei premi assicurativi, nel primo semestre 2018 sono stati recuperati oltre 620 milioni di euro, di cui € 168.148.500 di recuperi legati a erogazioni di prestazioni previdenziali concernenti fittizi rapporti di lavoro.

Nell’ambito dell’attività ispettiva mirata alla prevenzione e al contrasto dell’illegalità nei rapporti di lavoro, i suddetti controlli hanno consentito, inoltre, di individuare complessivi 77.222 lavoratori irregolari, di cui 20.398 lavoratori in nero.

Da un raffronto con i dati dell’anno 2017 si rileva una sostanziale stabilità relativamente al numero degli accessi effettuati (87.773 a fronte di 87.217), un complessivo aumento delle irregolarità riscontrate (69% in rapporto al 66% del 2017) e un sostanziale aumento dei recuperi contributivi (+12% senza considerare le posizioni contributive annullate).

Vai alla sezione dedicata

Fonte:INL