Condividi

Il 29 novembre è stato presentato al Senato il disegno di legge per il riordino della normativa in materia di amianto in un testo unico.

Proposta di legge per raccogliere in un solo provvedimento leggi e norme riguardanti l’ambiente, la salute, la sicurezza sul lavoro, le misure previdenziali, la giustizia, sanzioni e incentivi connessi all’amianto.

Il ddl è stato elaborato dalla Commissione parlamentare d’inchiesta sul fenomeno degli infortuni sul lavoro presieduta dalla senatrice Camilla Fabbri, in collaborazione con INAIL e con l’ausilio dell’Università degli studi di Milano.

È stato presentato in occasione della “II Assemblea nazionale sull’amianto” che si è tenutasi a Palazzo Giustiniani promossa dalla stessa Commissione. Assemblea alla quale hanno preso parte il presidente del Senato Piero Grasso, il Ministro dell’Ambiente Galletti, il Ministro del Lavoro Poletti, il presidente Inail De Felice e il presidente della Conferenza delle Regioni Bonaccini.

128 gli articoli che compongono il disegno di legge suddivisi in otto titoli.

Tra le misure previste queste le principali novità:

  • estensione dell’applicazione delle norme amianto a edifici pubblici privati mezzi di trasporto macchinari e siti dismessi;
  • introduzione del soggetto titolare di obblighi per bonifica amianto;
  • obbligo per medici e Asl di trasmissione patologia accertata al Renam che diviene registro di tutti i tumori da asbesto;
  • computo di ferie e permessi nei 10 anni per il beneficio pensionistico;
  • istituzione dell’Agenzia nazionale amianto; nella sicurezza sul lavoro prevenzione anche sul rischio indiretto e sui rischi per l’ambiente esterno.

Così il presidente del Senato Piero Grasso, intervenuto in apertura di Assemblea amianto: Guarda il videoPiero Grasso Presidente del Senato

“(…) Insieme mandiamo un messaggio inequivocabile assumendoci, tutti, la responsabilità di agire presto e bene.

Non è un mistero che il numero delle vittime dell’amianto, delle persone che si ammalano e di quelle che inevitabilmente lo faranno nei prossimi anni stia crescendo. L’impatto sulla collettività, tanto sotto il profilo sociale quanto sotto quello di sostenibilità economica, è impossibile da ridurre a cifre, anche perché riguarda dimensioni che vanno bel al di là dei dati economici.

Sebbene sia sicuramente più alta l’attenzione pubblica e la consapevolezza collettiva dei devastanti effetti dati dall’esposizione all’amianto sulla salute, sono ancora molti i cittadini che vivono, lavorano, frequentano edifici o strutture nelle quali è presente questa letale sostanza.

Oggi, finalmente, siamo in grado di proporre una revisione normativa complessiva in grado di affrontare tutte le sfaccettature – dalla tutela dell’ambiente alla sicurezza sul lavoro, dalle misure di prevenzione e protezione a quelle previdenziali – di una vera e propria emergenza nazionale.

Finalmente le Istituzioni stanno tentando di colmare questo gravissimo ritardo. In questa Legislatura abbiamo già compiuto alcuni passi considerevoli: penso all’approvazione della legge sugli Eco reati, all’aumento del Fondo per le vittime contenuto nella scorsa legge di stabilità, ai decreti che a livello ministeriale hanno implementato le norme previste dal “collegato ambientale”.

Il mio ruolo istituzionale mi impedisce di entrare nel merito del testo che viene presentato oggi: posso però dire che ritengo profondamente convincente la strategia complessiva indicata. Due anni fa ho incontrato alcuni familiari di vittime dell’amianto: conoscevo il tema come molti cittadini ma mai mi era capitato di toccare con mano la loro tragedia.

Quando Romana Blasotti venne a trovarmi nel mio studio mi disse una frase che non posso dimenticare e che ricordai anche un anno fa, proprio insieme a voi: “ho perso cinque familiari e ormai ho finito le lacrime”. La sua vita, come quella di tutte le persone che hanno visto soffrire e poi hanno perduto una persona cara, è segnata in maniera indelebile.

Agire significa dare dignità al dolore di nonne come Romana e, soprattutto, assicurare ai nostri figli e nipoti garanzie e tutele degne di un Paese civile.

Concludo con l’auspicio che nel più breve tempo possibile si possa discutere, approfondire e approvare il Testo Unico. Da parte mia posso assicurarvi che farò tutto quello che il mio ruolo consente perché si possa raggiungere al più presto il risultato auspicato da tutti”.